L’effetto degli stimoli visivi e verbali sulla gestualità

  • 10-09-2019
  • Amministratore

Gli oratori spesso accompagnano il loro discorso con movimenti di mani e braccia. I gesti vengono chiamati illustratori e sottolineano ciò che diciamo verbalmente. Si dividono in varie
categorie che sono: bacchette, indicatori, pittogrammi, ideogrammi.

Gli oratori spesso accompagnano il loro discorso con movimenti di mani e braccia. I gesti
vengono chiamati illustratori e sottolineano ciò che diciamo verbalmente. Si dividono in varie
categorie che sono:
1. bacchette: che indicano il tempo o il ritmo e servono per enfatizzare un concetto (es. in
foto)

 

 

 

 

 

2. indicatori: indicano persone, cose, situazioni; vengono utilizzati per puntualizzare (es. in
foto)

3. Pittogrammi: disegnano ciò che diciamo verbalmente (cose concrete);
4. Ideogrammi: seguono il pensiero (cose astratte)

I ricercatori Hostetter e Skirving (2012) hanno voluto esaminare se questa differenza di utilizzo
della gestualità è dovuta ad una ridotta accessibilità verbale quando le informazioni vengono
apprese in modo visuo-spaziale oppure alla ridotta accessibilità alle immagini mentali quando le informazioni vengono apprese in modo verbale. I partecipanti allo studio hanno descritto degli eventi appresi in due condizioni. In una condizione, i partecipanti hanno ascoltato una
descrizione verbale per due volte. Nell'altra condizione, i partecipanti hanno ascoltato, una volta la descrizione verbale e poi hanno guardato un fumetto che descriveva gli eventi. I ricercatori hanno riscontrato un aumento dei gesti illustratori quando gli oratori hanno guardato il fumetto oltre a sentirne la descrizione.
È importante sottolineare che questo aumento della gestualità non sembra essere dovuto a
differenze nell’accessibilità o nell’output del parlato, suggerendo che gli oratori gestiscono quando hanno in mente un’immagine chiara e non solo quando non hanno un accesso immediato alle etichette verbali.

 

NeuroComScience nasce nel 2012 con l’intento di portare in Italia le tecniche di analisi comportamentale impiegate dagli anni settanta negli Stati Uniti come ausilio alle attività di polizia, di intelligence ma anche di selezione e valutazione del personale, educazione e clinica. Il team di analisti coordinato dalla fondatrice di NeuroComScience, dottoressa Jasna Legiša, utilizza una metodologia di analisi del tutto peculiare unendo tecniche già collaudate ed altre create in maniera autonoma attraverso la sperimentazione in laboratorio. Il risultato è una prassi di indagine innovativa che permette di profilare in maniera veloce e precisa i soggetti esaminati fornendo molte più informazioni rispetto a quelle ottenibili con le tradizionali metodologie di analisi. Gli analisti di Neurocomscience garantiscono le loro consulenze in molti diversi campi.

A settembre 2019 inizia la nuova edizione del Master in Analisi Scientifica della Comportamento verbale e non Verbale organizzato da NeroComScience: l’acceso è a numero chiuso, fino a esaurimento dei posti disponibili.

Per informazioni e iscrizione:

https://lab-ncs.com/master-analisi-scientifica-del-comportamento-non-verbale/

Scarica l’approfondimento sull’analisi delle espressioni facciali e i corsi di linguaggio del corpo!

Città*

Email *

Inviando il messaggio accetti la nostra Privacy policy.

 

Scopri le tecniche e i metodi di analisi della comunicazione non verbale

 

Bibliografia
Hostetter B.A. & Skirving J.C. (2011). The Effect of Visual vs. Verbal Stimuli on Gesture
Production. Journal of Nonverbal Behavior, 35:3, pp 205-223.


Share This