ESPRESSIONI NON VERBALI AL MATRIMONIO REALE

  • 23-05-2018
  • Amministratore
Corso sulle tecniche e metodi di lettura delle espressioni facciali

L’ analisi non verbale del sorriso nelle foto rivela stati d’animo in momenti importanti della vita. Davanti alle riprese spesso si sorride, ma non sempre si tratta di un momento di gioia.

Il matrimonio del principe Harry con l’attrice Meghan Markle è uno degli eventi più discussi dell’anno e da settimane riempie le pagine dei giornali.

Dalle vicende legate al padre e alla sorellastra di Meghan, la bizzarra famiglia della sposa potrebbe impattare negativamente sul giudizio della famiglia reale. Anche il passato di Meghan potrebbe non piacere. Non abbiamo però nessuna dichiarazione verbale da parte dei reali sul disappunto di questo matrimonio.

Possiamo capire il loro pensiero dall’analisi non verbale sulle foto scattate al matrimonio?

(altro…)

Leggi tutto

LA STORIA DELLA LETTURA DELLA MIMICA FACCIALE

  • 20-05-2018
  • Amministratore
Corso sull’analisi delle espresulle tecniche e motodi di lettura delle espressioni facciali

L’origine dello studio dell’analisi della mimica facciale possiamo ritrovare nell’arte dell’antica Grecia, in Sicilia. La leggenda vuole che nel V secolo avanti Cristo Sofróne di Siracusa (470 a. C. – 400 a. C.) viene considerato come il creatore del mimo teatrale, dal greco mimeisthai, cioè imitare. Se da un lato studia la mimica facciale l’arte dall’altro ci sono i lavori biologici, ed ecco allora il padre della medicina Ippocrate di Kos (460 a. C. – 377 a. C.) che è stato il primo a formulare una teoria delle emozioni detta “Teoria umorale” .

(altro…)

Leggi tutto

PAUL EKMAN: MIMICA FACCIALE E LA TECNICA FACIAL ACTION CODING SYSTEM

  • 16-05-2018
  • Amministratore
Corso sull’analisi delle espresulle tecniche e motodi di lettura delle espressioni facciali

Grazie ai fondi stanziati per la ricerca da parte di NIMH e di altre strutture statunitensi, Paul Ekman svolse interessanti lavori sulle tecniche e metodi di analisi delle espressioni facciali; tra cui il Facial Action Coding System (FACS). Nel corso degli anni 1967 e 1968, Paul Ekman si lavora in Papua Nuova Guinea al fine di studiare le espressioni facciali del popolo Fore, una tribù isolata dal mondo civilizzato e con usi e costumi mai evoluti dall’età della pietra, situata nelle Highlands South East.
Gli studi di Paul Ekman forniscono le prove valide e attendibili circa l’esattezza delle espressioni emozionali del volto universali. Questa verifica conferma definitivamente le intuizioni di Charles Darwin, il quale considerava le espressioni facciali connesse alle emozioni primarie come universali.

(altro…)

Leggi tutto

EMFACS – Facial Action Coding System MIMICA FACCIALE

  • Amministratore
Corso sull’analisi delle espresulle tecniche e motodi di lettura delle espressioni facciali

Storia dell’analisi scientifica delle espressioni facciali: Emotion FACS (EM-Facial Action Coding System) e Facial Action Coding System Affect Interpretation Dictionary (FACSAID)
Paul Ekman e Vincent Friesen delineano i significati interpretativi di alcune espressioni facciali appartenenti alle 6 famiglie di emozioni: gioia, tristezza, disgusto, rabbia, sorpresa e paura. Tale lavoro, svolto negli anni ’80, viene denominato Emotional FACS (EMFACS).
Vincent Friesen inizia a scrivere il programma informatico Basic che categorizza alcune espressioni emozionali primarie del volto e che consiste nella logica ‘se … allora’. Paul Ekman e Vincent Friesen studiano per un lungo periodo come interpretare le espressioni facciali, come trovare le regole e la procedura di decodifica delle emozioni.

(altro…)

Leggi tutto

FACIAL ACTION CODING SYSTEM (FACS) – MIMICA FACCIALE

  • Amministratore

 

Cos’è la tecnica FACS ? 

Corso sull’analisi delle espresulle tecniche e motodi di lettura delle espressioni facciali

Il F.A.C.S. , Facial Action Coding System, è un sistema per descrivere le variazioni degli aspetti sul volto dovuti alla contrazione dei muscoli facciali. Quindi si tratta di un metodo per descrivere le espressioni facciali.
E’ quindi un metodo di osservazione puramente descrittivo, e in quanto tale, non fornisce un significato interpretativo alla mimica facciale.Chi ha elaborato il FACS?

Nel 1978 Ekman e Friesen pubblicato il testo in cui spiegano il Facial Action Coding System (FACS). Presenta moltissime analogie al sistema di Hjortsjo. Aggiungono una serie di migliorie soprattutto nella spiegazione del manuale didattico nella versione più recente, del 2002, a cui agli autori appena citati si aggiunge Hager.
Nello stesso anno in cui esce il Manuale FACS viene pubblicato anche il Manuale HANEST, elaborato da due ricercatori francesi, Ermiane e Gergerian. Esso ha lo stesso scopo del FACS, cioè quello di descrivere i movimenti facciali per studiare le relazioni tra la muscolatura e le emozioni. Anch’esso presenta molte similitudini con il manuale di Hjortstjo e conseguentemente con quello di Ekman e Friesen, come si può notare dalle comparazioni delle tecniche nei prossimi capitoli. Tutte e tre le tecniche si basano quindi sulla scomposizione dei movimenti facciali in unità che l’analista determina. I punteggi delle espressioni facciali consistono poi nella rilevazione di azioni che sono coinvolte in ciascuna espressione.

(altro…)

Leggi tutto

PAUL EKMAN, storia dei primi esperimenti sulle espressioni facciali con approccio scientifico contemporaneo

  • Amministratore

 

Paul Ekman, nato nel 1934 a Washington, è uno psicologo statunitense, uno dei più grandi

Corso sulle tecniche e motodi di lettura delle espressioni facciali

studiosi delle emozioni. È stato docente della University of California, nel 2004 si ritira. L’11 maggio del 2009, secondo il Times Magazine, è entrato nella lista delle 100 persone più influenti al mondo.
Durante il corso dei 40 anni dell’attività di Paul Ekman, il NIMH ha sostenuto la sua ricerca attraverso borse di studio, finanziamenti e premi. Il primo riconoscimento l’ha ricevuto nel 1971, lo Scientist Research Award dal National Institute of Mental Health (NIMH), successivamente rinnovato nel 1976, 1981, 1987, 1991 e 1997.

(altro…)

Leggi tutto

Incontro di Potenziamento Emotivo per Adulti

  • 15-05-2018
  • Jessica Vascotto

“L’intelligenza emotiva include l’autocontrollo, l’entusiasmo e la perseveranza, nonché la capacità di automotivarsi.”

 

 

 

13 giugno 2018 – videoconferenza. L’obiettivo del training è quello di fornire a tutte le persone che vogliono aggiungere del benessere nella propria vita degli strumenti pratici per riconoscere le emozioni ed allearsi a loro per raggiungere gli obiettivi

 

(altro…)

Leggi tutto

L’importanza dell’intelligenza emotiva nella gestione dello stress in azienda

  • Stefano Rigonat

NeuroComScience Intelligenza Emotiva

In contesti caratterizzati da forte competitività e innovazione non è raro che i dipendenti sperimentino una condizione di stress, che può influire negativamente sulle loro performance (Humpel & Caputi, 2001). Il diffondersi di questo fenomeno sta portando sempre più aziende a compiere investimenti al riguardo (Greenberg et al., 2003) e diversi studi ruotano attorno ai fattori che possano limitarne le problematiche (Abbas & Raja, 2015).

(altro…)

Leggi tutto

L’analisi scientifica delle espressioni facciali

  • 13-05-2018
  • Amministratore

L’osservazione dei cambiamenti del volto fornisce informazioni sulle emozioni provate dalle persone rispetto all’argomento trattato o alla domanda che gli viene posta. Alcuni autori hanno però sottolineato come il significato e la funzione comunicativa delle espressioni facciali non siano facilmente interpretabili, come magari si può pensare.

(altro…)

Leggi tutto

Capire le Diverse Emozioni

  • Amministratore

Le emozioni primarie sono geneticamente determinate, universali e presenti sin dai primi

Corso sulle tecniche e motodi di lettura delle espressioni facciali

mesi di vita. Sul numero delle emozioni di base non vi è accordo tra gli studiosi. In effetti, esse sarebbero otto per Tomkins (1962, 1970), sei per Ekman e Friesen (1971), otto per Izard (1977) e cinque per Jonson – Laird e Oatley (1988). Gli studiosi concordano sulle seguenti sei : gioia, disgusto, paura, sorpresa, rabbia e tristezza. Si tratta delle cosiddette grandi famiglie a cui appartengono più espressioni emozionali unite da una stessa collocazione di significato. Ad esempio, nella famiglia della sorpresa rientrano la sorpresa sincera, quella simulata, quella annoiata, e così via.

(altro…)

Leggi tutto


Share This