L’onestà e la disonestà non si muovono insieme

  • 12-07-2019
  • J V

Durante un’interazione sociali ci muoviamo, parliamo e respiriamo come chi abbiamo di fronte. Questo accade perché a livello inconscio entriamo in sintonia ed armonia con le persone. Questo processo viene chiamato mirroring e molte volte viene anche utilizzato volontariamente per creare artificialmente la sintonia.

(altro…)

Leggi tutto

Differenze di genere nell’espressione delle emozioni

  • J V

L’espressione delle emozioni è universale ed il linguaggio del corpo è un ottimo strumento per riconoscerle. Quando proviamo una determinata emozione, infatti, la nostra espressione cambia, i nostri movimenti si modificano, la nostra voce varia.

La motivazione per cui proviamo una determinata emozione invece è soggettiva e dipende da molti fattori tra cui gli stimoli a cui rispondiamo, i nostri valori e la nostra personalità.

(altro…)

Leggi tutto

Stai attento a dove sorridi

  • 05-07-2019
  • J V

È comunemente riconosciuto che è bello sorridere. Queste credenze laiche sono supportate da numerosi studi che dimostrano che gli individui sorridenti sono percepiti come più felici, più attraenti, competenti, disponibili e amichevoli. (altro…)

Leggi tutto

Il ruolo dell’intelligenza emotiva in compiti decisionali emotivamente difficili

  • J V

L’intelligenza emotiva (EI) viene definita come la capacità di comprendere, percepire e gestire le proprie e altrui emozioni e non farsi guidare da esse.

Per comprendere e percepire le emozioni altrui è fondamentale avere conoscenza della comunicazione non verbale e di come esprimiamo le nostre emozioni attraverso le nostre espressioni facciali e i nostri movimenti del corpo.

(altro…)

Leggi tutto

Efficacia dei programmi di allenamento di riconoscimento delle espressioni facciali nei ragazzi/e ASD

  • 28-06-2019
  • J V

autismo bambini

In un recente studio di Russo-Ponsaran e colleghi (2016) venticinque bambini e adolescenti ad alto funzionamento verbale con disturbi dello spettro autistico (ASD, range di età 8-15 anni) che hanno dimostrato un deficit nel riconoscimento emotivo attraverso le espressioni facciali sono stati divisi in due gruppi: un gruppo di “intervento attivo” (n = 12) e un altro gruppo nella “lista di attesa” che fungeva di controllo (n = 13).
(altro…)

Leggi tutto

Riconoscimento delle emozioni negative nella coppia

  • J V

Abbiamo spesso detto che la capacità di rilevare le emozioni dal linguaggio del corpo di chi abbiamo di fronte può essere un utile strumento per migliorare la nostra empatia ed imparare a gestire le situazioni con più strumenti e maggior consapevolezza. (altro…)

Leggi tutto

La gestualità e la relazione con il tempo

  • J V

Una ricerca di Wessler e colleghi (2017) ha voluto verificare se la distanza temporale di un evento influisce sull’imitazione dei gesti durante una conversazione.

Secondo la teoria dei livelli, la vicinanza psicologica (rispetto alla distanza) di un evento porta a preferire forme di comunicazione più concrete rispetto a quelle astratte.

(altro…)

Leggi tutto

Il ruolo dell’etnia e del genere sulle strette di mano e le valutazioni sociali

  • J V

La stretta di mano è una modalità di comunicazione non verbale che prevede il fatto di toccarsi. Sarà capitato anche a voi a volte di non sapere se dare quella stretta di mano oppure no e di esservi sentiti in imbarazzo ad aver evitato una stretta di mano e di essere stati evitati. Questo accade perché la stretta di mano è un comportamento che non per tutti ha lo stesso significato e soprattutto a volte può essere ritenuto troppo invadente o troppo informale.

(altro…)

Leggi tutto

Riconoscimento delle espressioni emotive nei pazienti sottoposti a trapianto facciale

  • J V

Si sa che il volto è uno dei canali della comunicazione non verbale che invia più messaggi emotivi, attraverso le espressioni facciali infatti si può esprimere tristezza, rabbia, gioia, attenzione, concentrazione e molto altro.

(altro…)

Leggi tutto

La lombalgia cronica e la stima del dolore grazie alla comunicazione non verbale

  • J V

Numerose ricerche hanno mostrato come il dolore sia riconoscibile dall’intensità del volto e addirittura che la nostra percezione del dolore si modifica in base alla nostra comunicazione non verbale. Per vedere l’articolo completo su questo argomento clicca qui

(altro…)

Leggi tutto


Share This